ARPA Sicilia è partner nella realizzazione ed uso di un sistema di monitoraggio continuo e remoto del moto ondoso e delle correnti marine effettuato nel tratto di mare compreso tra la costa siciliana e l’arcipelago maltese.

Il sistema fa uso della tecnologia radar ad alta frequenza (High Frequency) costituito dai dati provenienti da 3 antenne posizionate, rispettivamente, nel porto di Pozzallo, sull’isola di Malta e sull’Isola di Gozo.

Accesso al sistema di aggiornamento dei dati

Progetto Calypso

Il complesso tecnologico è stato realizzato mediante un progetto co-finanziato dall’unione europea (Fondo di Sviluppo Regionale, nell’ambito del P.O. Italia – Malta 2007-2013) – denominato Calypso – nell’ambito di una partnership internazionale coordinata dall’Università di Malta.

Conclusosi il progetto Calypso, il sistema è entrato a regime consentendo l’acquisizione continua – con aggiornamento orario – dei dati delle correnti superficiali marine nell’area di copertura del sistema radar.

Progetto Calypso follow on

Per migliorare la copertura e l’affidabilità dei dati attualmente raccoli, è stato avviato il progetto Calypso follow on che prevede, entro la fine del 2015, l’installazione di una quarta antenna sul lato siciliano del canale.

Progetto Calypso South

Gli obiettivi di “Calypso South” – Programma Interreg V A Italia-Malta – sono quelli di mitigare gli effetti di eventuali sversamenti di idrocarburi a tutela delle coste siciliane e maltesi e favorire lo sviluppo socio-economico dei territori interessati. È previsto anche il potenziamento dell’attività di monitoraggio delle correnti marine superficiali nel canale siculo-maltese che consentirà di fornire agli enti preposti dati continui utili ad ottimizzare gli interventi in caso di sversamenti di idrocarburi accidentali e deliberati e tutelare le risorse marino-costiere e in caso di operazioni di Search and Rescue (SAR) per salvaguardare vite umane.

Il partenariato è costituito da University of Malta (capofila), Università di Palermo (Polo Territoriale Universitario della Provincia di Trapani), Transport Malta, Cutgana dell’Università di Catania, Arpa Sicilia, Iamc-Cnr di Capo Granitola e Civil Protection Department.

Mappatura delle correnti superficiali dai radar HF nel Canale di Malta

Correnti superficiali marine
  • Questa pagina ti è stata utile?
  • No