News

In pubblicazione il quarto numero della newsletter EMAS curato da ISPRA e dal Comitato Italiano Ecolabel Ecoaudit – Sezione EMAS Italia, rivolto alla consultazione delle parti interessate.

 

Il numero in pubblicazione sul sito di ISPRA della newsletter EMAS, il n. 4 dell’anno corrente, è molto interessante ed è interamente dedicato ai contenuti emersi nel corso del recente forum sullo schema EMAS (Forum EMAS 2015 del 9 luglio u.s.) tenutosi a Roma, promosso dal Comitato per l’Ecolabel e l’Ecoaudit e dall’ISPRA, per la consultazione delle parti interessate e con lo scopo di valorizzare il ruolo di tutti i portatori di interesse che, suddivisi in tavoli di lavoro, hanno avuto l’opportunità di confrontarsi per condividere le strategie di revisione del Regolamento EMAS.
Gli argomenti di approfondimento per tutti i tavoli hanno riguardato:
I fattori che hanno spinto l’organizzazione ad aderire ad EMAS e i benefici riscontrati nell’adozione e funzionamento dello Schema;
Gli ostacoli incontrati sia in fase di implementazione sia di mantenimento della registrazione EMAS e le eventuali criticità/debolezze del sistema Emas.
Le prospettive attese per il futuro dello schema EMAS sulla base dell’esperienza maturata.

La Newsletter è presente sulle pagine EMAS del sito dell’ISPRA al seguente indirizzo
http://www.isprambiente..it/it/certificazioni/file/emas/newsletter/2015/newsletter-emas-n.-4-anno-2015

 

Convegno “Biomasse vegetali ed Energia” (Messina, 29/07/2015)

 

L’ordine dei Chimici della Provincia di Messina, con il patrocinio di:

  • Consiglio Nazionale dei Chimici
  • Provincia Regionale di Messina
  • ARPA Sicilia

in collaborazione con:
CAPONE LAB S.r.l. Milazzo
organizza il convegno BIOMASSE VEGETALI ED ENERGIA: un’energia pulita, rinnovabile ed un’opportunità per il lavoro e lo sviluppo sostenibile del territorio – 29 LUGLIO 2015, ORE 16:00
Palazzo dei Leoni, Salone degli Specchi – Provincia Regionale – Corso Cavour n. 86 – Messina

Documenti:

 

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”. Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’. In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).

Siciliambiente Documentary Film Festival (S. Vito Lo Capo, 14 – 19 luglio 2015)

 

L’A.R.P.A. Sicilia sarà presente al SICILIAMBIENTE DOCUMENTARY FILM FESTIVAL che si terrà a San Vito Lo Capo (TP) nei giorni dal 14 al 19 luglio 2015, l’evento caratterizzato dalla proiezione di documentari, corti e animazioni legati ai temi ambientali, alla sostenibilità e ai diritti umani.

L’Agenzia Regionale per la Protezione dell’Ambiente parteciperà con diverse attività di divulgazione, campionamenti e monitoraggi , sarà presente, tra l’altro, anche con l’Unità Navale CP293 (Galatea) che è ordinariamente impegnata nelle attività di monitoraggio delle acque marino costiere della Sicilia e con la quale,per l’occasione,sono previste delle brevi uscite in mare finalizzate alla divulgazione delle attività scientifiche che vengono svolte nel corso delle campagne di monitoraggio agli ospiti partecipanti. In allegato è presente un modulo di prenotazione per chi volesse partecipare.

Link:

 

Documenti:

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”. Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’. In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).

In pubblicazione il terzo numero della newsletter EMAS curato da ISPRA e dal Comitato Italiano Ecolabel Ecoaudit – Sezione EMAS Italia” contenente anche il bando 2015 per il Premio EMAS Italia

 

Con il rilancio sul proprio sito web della newsletter EMAS di ISPRA e del Comitato Italiano Ecolabel Ecoaudit – Sezione Italia, l’ARPA Sicilia intende contribuire ulteriormente alla diffusione dei contenuti specifici del Regolamento CE 1221/09 disciplinante il settore e della realtà italiana ruotante intorno alla registrazione EMAS. In questo numero, il n. 3 dell’anno corrente, è contenuto, tra l’altro, il Bando 2015 del Premio EMAS Italia. Anche in questa edizione del premio gli organizzatori hanno intenso dare riconoscimento e visibilità alle organizzazione registrate EMAS che hanno meglio interpretato ed applicato i principi ispiratori dello schema europeo e soprattutto raggiunto i migliori risultati nella comunicazione con le parti interessate. Con tale riconoscimento verranno premiate: le dichiarazioni ambientali più facilmente fruibili dal pubblico e le modalità di diffusione della dichiarazione ambientale più innovative ed efficaci.

Altri argomenti di interesse trattati in questo numero sono i seguenti:

  • I delitti contro l’ambiente
  • Commercio al dettaglio: emanati i documenti settoriali di riferimento
  • Assegnati gli EMAS Award europei
  • Il Forum EMAS 2015
  • Gruppo REDA: innovazione e tradizione.

 

La Newsletter è presente sulle pagine EMAS del sito dell’ISPRA al seguente indirizzo

http://www.isprambiente.gov.it/it/certificazioni/news/newsletter-emas-numero-3-anno-2015

Linked Open Data: Connecting Open Data Sources to Understand Environmental Impacts

Palermo, Palazzo Cefalà, 9.00-13.30, 9 July, 2015

The seminar presents the EU project SmartOpenData and specifically the pilot project managed by ARPA Sicily, which relates water quality data with data regarding the protected sites of the Natura 2000 Network and in particular at Mount Catalfano and Cape Zafferano (municipalities of Bagheria and Santa Flavia). Furthermore the open local and regional partnership, in the process of formation, for the application of Linked Open Data in the monitoring and impact assessment of water pollution will discuss the terms for effective collaboration.

 

[ITALIAN VERSION]

 

Documenti:

Linked Open Data: Collegare le fonti di Open Data per valutare gli impatti ambientali

 

Il seminario presenta il progetto EU SmartOpenData e più specificamente il progetto pilota gestito da ARPA Sicilia che mette in relazione dati sulla qualità delle acque con dati relativi alle aree protette della RETE NATURA 2000 ed in particolare nella zona di Monte Catalfano e Capo Zafferano (Comuni di Bagheria e Santa Flavia). Inoltre, il costituendo partenariato aperto locale e regionale per l’applicazione del Linked Open Data nel monitoraggio e valutazione d’impatto dell’inquinamento delle acque, discuterà dei termini di una fattiva collaborazione.”

 

L’incontro si terrà a Palermo, Palazzo Cefalà, ore 9.00-13.30, 9 luglio 2015

 

[ENGLISH VERSION]

Documenti:

Locandina

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”. Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’. In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).

Seminario Tecnico “Infrastrutture verdi per le città” (Messina, 17 luglio 2015)

 

L’Ordine degli Ingegneri di Messina organizza il Seminario Tecnico “INFRASTRUTTURE VERDI PER LE CITTÀ” per venerdì 17 luglio 2015 dalle ore 15:00 alle ore 19:00 (Sala Meetings dell’Hotel Royal, Via T. Cannizzaro, n.3 – Messina).

 

L’evento ha il patrocinio di ARPA Sicilia.

 

Documenti:

Brochure

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”. Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’. In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).

Precisazioni sullo stato di salute delle acque dei Laghi di Ganzirri (Me) – Comunicato

 

Con riferimento all’articolo apparso su http://messina.blogsicilia.it/goletta-dei-laghi-a-ganzirri-buona-salute-delle-acque/300840/ relativo al monitoraggio realizzato sul Lago di Ganzirri, in quanto corpo idrico di transizione ai sensi della Direttiva Europea 2000/60, è necessario, per completezza di informazione, sottolineare che nello stesso corpo idrico è ubicata una stazione per il monitoraggio delle Acque destinate alla vita dei molluschi (D.Lgs.152/06 e ss.mm.ii., art. 87).

I risultati di tale monitoraggio (Acque destinate alla vita dei molluschi), hanno evidenziato per il 2014 il superamento del valore limiti dei “coliformi fecali” ricercati nella polpa e liquido intervalvare dei molluschi (3300 MPN/100 ml). Tali superamenti sono concomitanti con eventi di forte piovosità quando si ha lo straripamento dei tombini fognari posti lungo la strada nel versante nord del Lago. Ma medesima situazione si è registrata anche per gli anni 2008, 2010, 2011, 2012 e 2013.

Il monitoraggio delle acque destinate alla vita dei molluschi, ai sensi del D.Lgs. 152/06, lascia comunque impregiudicata l’attuazione delle norme sanitarie relative alla classificazione delle zone di produzione e di stabulazione dei molluschi bivalvi vivi, effettuata ai sensi del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 530 e ss.mm.ii.

Incontro progetto Mito Università degli studi di Palermo 25/06/15

 

Si terrà a Palermo, a Palazzo Steri – Sala dei Baroni – il 25 giugno 2015 un incontro sul progetto “MITO: Dati, Informazione, Conoscenza”.

MITO è un progetto attraverso il quale si vogliono condividere, in un contesto multiutente e multiattore, informazioni di valenza archeologica, culturale, ambientale, territoriale, e quant’altro, rendendole disponibili agli interessati in forma assolutamente libera e gratuita, insieme alle applicazioni sin qui sviluppate nell’ambiente GEO-SDI.

 

Documenti:
Invito

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”. Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’. In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).

Bandito il primo concorso ECOLABEL UE rivolto alle aziende certificate

Finalmente è stato bandito il primo concorso rivolto a tutte le aziende che hanno contribuito a diffondere la conoscenza del marchio ecologico europeo Ecolabel UE per mezzo di azioni di marketing rivolte a tutta la collettività. Con una edizione straordinaria della newsletter pubblicata da ISPRA e dal Comitato per l’Ecolabel e l’Ecoaudit, è stata data notizia del concorso, il primo ad essere rivolto alle aziende che, al momento della presentazione della domanda di candidatura, risultino in possesso del marchio Ecolabel UE, con la previsione di un premio per la sezione “Prodotti” ed un premio per la sezione “Servizi di ricettività turistica”.

Per ciascuna categoria di aziende i premi assegnati saranno tre, uno per le microimprese, uno per le piccole e medie imprese, uno per le grandi imprese e potranno partecipare quelle imprese che, negli ultimi 5 anni, abbiano realizzato operazioni di diffusione del marchio in qualunque forma, mediante campagne pubblicitarie e di marketing sia riguardo ai prodotti sia riguardo ai servizi Ecolabel UE certificati in Italia (strutture turistico-ricettive).

Il concorso si pone l’obiettivo di diffondere sempre di più le “buone prassi” promosse dall’adesione al marchio, che hanno la finalità di ridurre gli impatti ambientali dell’azione dell’uomo, dimostrando che una gestione sostenibile del territorio non solo è possibile, ma ormai irrinunciabile se si vuole mantenere una buona qualità di vita anche alle generazioni future.

Con questa operazione si spera di dare maggiore diffusione a tutte quelle strategie intraprese dalle aziende certificate per aderire alle politiche ambientali promosse dal marchio Ecolabel UE, superando finalmente quella diffidenza che ancora ruota intorno ai marchi ecologici, a volte recepiti quali mere etichette vuote di qualsiasi contenuto gestionale. La finalità è, quindi, di offrire una nuova visibilità alle aziende certificate, garantendone l’affidabilità, e riuscire a fare una grande azione di promozione del marchio stesso quale esempio di crescita economica sostenibile, che utilizza il principio della LCA (dalla culla alla morte) in ogni aspetto gestionale messo in atto, per ridurre i danni, spesso irreversibili, dell’azione umana.

Solo, infatti, ricorrendo ad una economia di tipo “circolare”, quale quella che sta alla base dei principi del marchio Ecolabel UE, si potrà preservare quel patrimonio energetico naturale che, invece di essere disperso producendo inquinamento e diseconomie, dovrebbe essere in grado di rigenerarsi continuamente attraverso una politica di riciclo e di riutilizzo di tutte le materie lavorate, che possono essere reintrodotte nel ciclo produttivo come materie prime seconde, senza ulteriori depauperazioni a carico dell’ambiente.

Bisogna, infatti, promuovere sempre più le imprese “virtuose” che si impegnano ad operare in modo sostenibile ed etico, come esempi positivi da seguire in confronto a quelle che, ancora adesso, operando difformemente, disconoscono i danni che possono derivare sulla salute dell’uomo e dell’ambiente, pregiudicando in tal modo la qualità del nostro futuro.

Pubblicato il terzo numero della newsletter di ISPRA dedicata al marchio Ecolabel Ue

 

E’ stato pubblicato da ISPRA il n. 3 della newsletter dedicata alla diffusione del marchio Ecolabel, che riporta anche le nuove imprese turistico-ricettive che hanno acquisito tale riconoscimento.

Come accade sempre più frequentemente in questi ultimi tempi, tali strutture sono dislocate soprattutto nel nord Italia, mentre il sud si dimostra in sofferenza, certamente anche per effetto della crisi che ancora vi permane. Dovrebbe fare riflettere, in proposito, la circostanza che l’adesione al marchio ed alle sue linee guida consente, migliorando progressivamente nel tempo il risultato, di ottenere vantaggi economici consistenti dovuti alla riduzione degli sprechi energetici e ad una gestione più razionale di tutte le variabili. Garantisce, nel contempo, la maggiore sicurezza possibile dei servizi offerti contribuendo allo sviluppo del territorio, sia in termini di agro alimentazione sia in termini di valorizzazione del patrimonio naturale, storico-culturale ed artistico presente diffusamente nell’Isola.

Una maggiore attenzione, a livello governativo, anche attraverso gli strumenti della nuova programmazione dei fondi strutturali dell’Ue per il periodo 2014/2020 per le regioni del meridione italiano, potrebbe contribuire decisamente alla promozione e all’incentivazione delle certificazioni ambientali al fine non solo di migliorare la competitività delle imprese, ma per garantire anche le migliori prestazioni da un punto di vista ambientale da parte delle medesime contribuendo, in tal modo, a tutelare e garantire uno sviluppo sostenibile del territorio che non può non basarsi sui valori che vi sono rappresentati.

Solo, quindi, ricorrendo ad una economia di tipo “circolare” quale quella indotta da Ecolabel per le strutture turistiche o da EMAS per le altre categorie di imprese, si potrà contribuire al mantenimento di quel patrimonio energetico naturale che, invece di disperdersi producendo inquinamento e diseconomie, potrebbe essere in grado di rigenerarsi continuamente attraverso una politica di riciclo e di riutilizzo delle materie lavorate, che potrebbero poi essere reinserite nel ciclo produttivo come materie prime seconde, senza depauperazioni ulteriori a carico del territorio.

Risulta quindi di interesse generale “marciare” verso questa politica del riciclo, anche scegliendo e promuovendo le imprese virtuose che si impegnano in questo senso, come da dichiarazione che le stesse sono tenute a rendere pubbliche, delle politiche ambientali adottate, confermando quella sensibilità ed attenzione verso l’ambiente e la natura che è già diffusamente presente nella popolazione.

 

Il terzo numero della newsletter è pubblicato anche su questo sito, ed è scaricabile dal link:

http://www.isprambiente.gov.it/it/certificazioni/news/newsletter-ecolabel-n.-3-anno-2015

 

Documenti:

Newsletter Eolabel UE n.3/2015

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”. Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’. In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).

Convegno “Il valore economico della Biodiversità e degli ecosistemi” (Catania, 23 aprile 2015)

 

Si svolgerà giovedì 23 aprile, con inizio dei lavori alle ore 10.00, presso l’Hotel Parco degli Aragonesi di Catania, Via Kennedy – Località Playa, il convegno finale di divulgazione dei risultati del Progetto BioDiValue e Workshop conclusivi dal titolo “Il valore economico della Biodiversità e degli ecosistemi”.

 

 

Documenti:

Invito per il convegno

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”. Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’. In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).

 

 

 

35° Conferenza Internazionale dell’Associazione Internazionale sull’Impatto Ambientale “Impact Assessment in the Digital Era” (Firenze, 20 -23 aprile 2015)

 

Si svolgerà a Firenze dal 20 al 23 aprile 2015, la 35° Conferenza Internazionale dell’Associazione Internazionale sull’Impatto Ambientale “Impact Assessment in the Digital Era”.

L’evento ha ricevuto il patrocinio del Ministero dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare e del Comune di Firenze, città sede di svolgimento dell’evento, ed è patrocinato anche da ARPA Sicilia

 

Seminario “La Classificazione Ecoregionale strumento di lettura della Macchia Mediterranea” (S. Stefano di Camastra, 24 aprile 2015)

 

Si svolgerà presso il Comune di Santo Stefano di Camastra il 24 aprile p.v. alle ore 15.00, il seminario tecnico dal titolo “La Classificazione Ecoregionale strumento di lettura della Macchia Mediterranea”, organizzato dall’Ordine degli Ingegneri di Messina, con il patrocinio anche di ARPA Sicilia.

 

Documenti:

Brochure seminario

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”. Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’. In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).

LIF MIPP Sicilia (13 – 17 aprile 2015)

 

L’evento è organizzato dal Comune di Messina, Assessorati alla P. Istruzione, Ambiente e Nuovi Stili di Vita e Urbanistica in collaborazione con il Team del Progetto LIFE+MIPP per la disseminazione delle informazioni su LIFE MIPP e su Rete Natura 2000 con la collaborazione dell’Orto Botanico dell’Università di Messina, Università di Messina – Dipartimento di Scienze Biologiche ed Ambientali, Comune di Caltagirone, Comune di Montagnareale, Comune di San Michel di Ganzaria, IIS C.A Dalla Chiesa, IC San Piero Patti – Plesso Scolastico di Montalbano Elicona, I.C. Lombardo Radice – Plesso di Montagnareale, Azienda Foreste Demaniali UPA di Messina, IRF di Messina, I.C. Pascoli Crispi di Messina ed i Beneficiari dei Progetti Life attivi in Sicilia.

L’evento è patrocinato da ARPA Sicilia.

 

Documenti:

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”. Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’. In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).

Revisione albo fornitori

 

In allegato si pubblica AVVISO contenente l’elenco delle aziende/ditte individuali per le quali l’iscrizione all’Albo Fornitori decade dal 2/3/2015, trascorsi 36 mesi dall’ultimo aggiornamento di cui al DDG 55 del 2/3/2012.

I fornitori interessati a rinnovare l’iscrizione dovranno inviare apposita istanza corredata dalla documentazione prescritta, secondo le modalità contenute nell’AVVISO, entro il 30 giugno 2015.

Tutte le altre aziende/ditte individuali, qualora non abbiano già provveduto, possono presentare istanza in qualunque momento, utilizzando la modulistica allegata.

L’istruttoria delle pratiche segue l’iter previsto dal “Regolamento Albo Fornitori”.

 

Per una visione completa della documentazione, consultare la pagina di sezione (albo fornitori).

Allegati:

AVVISO

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”. Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’. In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).

AREE ad elevato rischio di crisi ambientale (AERCA) – Progetto per la valutazione delle molestie olfattive

 

Sarà presentato Venerdì 27 marzo 2015 Ore 10,00, presso la sede dell’Area Marina Protetta del Plemmirio – Via G. Abela – Ortigia (SR), il “Progetto per la valutazione delle molestie olfattive”, redatto dall’Agenzia regionale per la Protezione dell’Ambiente – in fase di stesura definitiva.

L’incontro è promosso dall’Assessore Regionale del Territorio e dell’Ambiente, Maurizio Croce.

La realizzazione del progetto permetterà di valutare le molestie olfattive mediante il rilevamento con l’installazione di alcune centraline di campionamento nella AERCA della provincia di Siracusa.

E’ previsto il coinvolgimento diretto della popolazione esposta, secondo modelli già sperimentati in altre realtà in cui si manifestano fenomeni simili.

L’incontro ha lo scopo di fornire una corretta informazione preventiva e, contemporaneamente, di stimolare la partecipazione a livello territoriale, dato che il successo e la buona riuscita del progetto dipendono dall’effettivo livello di coinvolgimento e dalla partecipazione attiva della popolazione interessata.

Sono stati invitati i Sindaci, gli enti a cui è demandata la tutela e la responsabilità sanitaria della popolazione del territorio, i membri della deputazione regionale e nazionale, e le associazioni dei cittadini rappresentanti degli interessi diffusi.

Per informazioni rivolgersi a: ARPA Sicilia Struttura Territoriale di Siracusa

tel. 0931/753508 – email: dapchimicosr@arpa.sicilia.it

 

Documenti:

Locandina dell’incontro

 

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”. Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’. In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).