Immagine home
AMIANTO – LEGGE 29 aprile 2014, n. 10: Comunicazioni obbligatorie da parte dei soggetti pubblici e privati nonché dei soggetti imprenditoriali

 

LEGGE 29 aprile 2014, n. 10. – Norme per la tutela della salute e del territorio dai rischi derivanti dall’amianto. Comunicazioni obbligatorie da parte dei soggetti pubblici e privati nonché dei soggetti imprenditoriali.

Sulla GURS n. 19 del 09 maggio 2014 è stata pubblicata la Legge Regionale 29 aprile 2014, n. 10 recante “Norme per la tutela della salute e del territorio dai rischi derivanti dall’amianto”. L’art. 5 comma 3 della citata norma prevede che tutti i soggetti pubblici e privati proprietari di siti, edifici, impianti, mezzi di trasporto, manufatti e materiali con presenza di amianto sono obbligati, entro 120 giorni dalla data di pubblicazione della presente legge, a darne comunicazione all’A.R.P.A. territorialmente competente, indicando tutti i dati relativi alla presenza di amianto. A sensi del comma 4 del medesimo art. 5 sono altresì obbligati alla comunicazione di cui al comma 3, entro gli stessi termini, tutti i soggetti imprenditoriali che secondo la normativa vigente svolgono attività di bonifica e smaltimento dell’amianto.

A tal fine sono state predisposte le “Schede di autonotifica”, da compilare ed inviare alle competenti Strutture Territoriali di ARPA Sicilia.

Le schede sono scaricabili dai pdf allegati.

 

Allegati

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”.
Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’.
In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).