Immagine home
Che cosa sono le certificazioni ambientali per il settore forestale?

PEFC (Programme for the Endorsement of Forest Certification, 1998) e FSC (Forest Stewardship Council, 1993) sono certificazioni ambientali specifiche del settore forestale gestite da Organizzazioni internazionali indipendenti (di parte terza) che promuovono, da un punto di vista ambientale, sociale ed economico, lo sviluppo e la gestione sostenibile delle foreste nel mondo. Rappresentano certificazioni ambientali di prodotto e di sistema ad adesione volontaria, con accreditamento a cura di soggetto autonomo indipendente.

Il valore biogeografico ed ecologico-ambientale del patrimonio forestale siciliano richiede di essere considerato anche sotto il profilo della assoggettabilità a tali forme di certificazione, di cui allo stato non risultano presenti esperienze in Sicilia, anche allo scopo di una migliore valorizzazione delle produzioni ritraibili, oltre che per quella opportuna diffusione della cultura della certificazione che tanti benefici potrebbe apportare anche al settore forestale.

La presente sezione tematica dedicata alle certificazioni ambientali del sito web si propone di favorire la conoscenza di tali strumenti cercando di comunicare, in modo diretto e semplice, il valore ed il ruolo delle certificazioni volontarie nel settore forestale anche quale strumento di marketing in grado di valorizzazione le risorse forestali locali e migliorare l’immagine aziendale nel mercato nazionale ed internazionale. Obiettivo specifico che si vuole raggiungere attraverso l’allestimento di tale sezione è anche quello di stimolare la sensibilità degli operatori del settore agro-forestale introducendoli e guidandoli nel percorso verso la certificazione PEFC o FSC.

L’uso della certificazione garantisce, in particolare, che nella conduzione delle attività forestali vengano utilizzate pratiche sostenibili tali da assicurare al mercato italiano prodotti controllati che non rappresentino un pericolo per la salute umana e per l’habitat, la cui “fine vita” non comporti fenomeni di inquinamento per effetto dell’utilizzo di sostanze non pericolose anche nella fase di confezionamento; tale controllo garantisce, inoltre, il pieno rispetto delle condizioni di lavoro e della salute cui risultano esposti i lavoratori, che rappresentano parte integrante del processo produttivo e della gestione forestale praticata.

Le conferenze di Rio de Janeiro (1992) e Kyoto (1997) hanno progressivamente orientato la politica internazionale nel senso della implementazione, da parte degli Stati aderenti, delle attenzioni ai temi della sostenibilità ambientale, ma hanno anche avuto un ruolo di stimolo nella creazione di una nuova domanda di beni e servizi più rispettosi dell’ambiente e delle sue risorse. Le performance ambientali e la sostenibilità si accingono anche a diventare sempre più fattori di competitività per le imprese forestali italiane, proprio a partire dal 1993 con la FSC, a livello internazionale e dal 1998 con PEFC a livello europeo.

Nel menù a fianco, ad un documento generale illustrativo e semplificativo dell’articolato contenuto tecnico degli atti disciplinanti le certificazioni di che trattasi (Le certificazioni forestali per una migliore gestione del patrimonio boschivo), seguono, tematicamente per ognuna delle due tipologie di certificazione considerate (PEFC e FSC), gli strumenti normativi di riferimento che contengono anche gli specifici link ai documenti tecnici di riferimento (riprodotti, per praticità, anche in versione pdf), nonché i contenuti tecnici delle migliori pratiche di gestione forestale praticabili estratto dal documento regionale sulle principali tipologie forestali presenti in Sicilia.

DOCUMENTI:

Avvertenze per lo scaricamento dei file

A volte il browser di navigazione non riesce a completare il download del documento nella propria finestra di anteprima. Cio’ accade tipicamente per i file di tipo .pdf, quando nelle impostazioni del browser, ai file di quel tipo e’ associata l’azione “anteprima”. Il problema si risolve facilmente selezionando il link al file con il tasto destro del mouse, e poi cliccando con il tasto sinistro su “Salva destinazione con nome …”. In tal modo il file, invece di essere inviato all’anteprima del browser, viene scaricato direttamente sulla postazione-utente, dove poi puo’ essere aperto senza difficolta’. In alternativa (ed è la soluzione preferibile), l’utente puo’ modificare le impostazioni di configurazione del proprio browser di navigazione, associando al tipo di contenuto (.PDF) un’azione diversa dall’anteprima (salvataggio, finestra di scelta, apertura con applicazione specifica, ecc.).